GOURMET all’ITALIANA

Viaggio tra le specialità gastronomiche delle regioni italiane

itaBuongiorno lettori, oggi intraprenderemo un vero e proprio viaggio fra le prelibatezze della cucina italiana, iniziamo!

VALLE D’AOSTA: qui è d’uso preparare la POLENTA CONCIA, cioè un semplicissimo piatto di polenta con della fontina (formaggio tipico valdostano) perfetto per riscaldarsi nelle fredde giornate alpine.

PIEMONTE: in questa regione si consuma la BAGNA CAUDA, un condimento a base di aglio, olio e acciughe che serve ad accompagnare verdure cotte e crude (cardi, cipolle, patate, peperoni…). È un piatto tipico del periodo della vendemmia.

LOMBARDIA: famoso   il RISOTTO ALLA MILANESE, un piatto di riso dal caratteristico colore dorato dato dallo zafferano. È un piatto antico, sembra infatti che risalga  al medioevo.       risotto                                         

TRENTINO ALTO ADIGE: qui i CANEDERLI son un vero e proprio tesoro! Si tratta di palline fatte di pane impastato con speck, formaggio, latte ed erba cipollina. Si possono consumare sia asciutti che in brodo.

FRIULI VENEZIA GIULIA: il FRICO è una specie di frittata a base di formaggio, patate e burro. Era il piatto tipico di boscaioli e contadini, che lo portavano con sé quando andavano a lavorare. Semplice ed energetico!

VENETO: RISI E BISI, una ricetta a metà fra un risotto e una minestra. Gli ingredienti principali? Come dice il nome stesso, “Risi”, cioè riso, e “Bisi”, cioè piselli.

LIGURIA: TROFIE CON PESTO ALLA GENOVESE. Si tratta di un primo piatto a base di trofie, una pasta tipica ligure, condita con un pesto realizzato con basilico, pinoli, olio, aglio, pecorino e parmigiano rigorosamente pestati a mortaio.

EMILIA ROMAGNA: chi non conosce i TORTELLINI? Un piatto a base di pasta ripiena con prosciutto, carne, parmigiano, mortadella, perfetti con il brodo, ma anche con un buon ragù. Perchè questa forma? La leggenda racconta che una donna entrò in una locanda e il proprietario fu talmente colpito dalla bellezza del suo ombelico che decise di tirare la pasta dandole quel formato particolare.

TOSCANA: questa regione, tra le altre cose, è famosa per il CACIUCCO. Si tratta di una zuppa di pesce misto per la quale si devono utilizzare ben 13 varietà di pesce. E’il piatto tipico di Livorno e il suo nome deriva dalla parola turca kuciuk che significa piccolo, minuto.

UMBRIA: la TORTA AL TESTO. E’una sorta di focaccia dalla forma rotonda, che viene cotta su un TESTO di ghisa e poi farcita con erbe e salsiccia, prosciutto e formaggio, rucola e stracchino o in qualsiasi altro modo si voglia.

pasta fornoMARCHE: eccoci a casa con i VINCISGRASSI o VINCESGRASSI. Come tutti sappiamo, sono un primo piatto realizzato stendendo in una teglia sfoglie di pasta, bollita asciugata e tagliata, mettendo poi, fra uno strato e l’altro, ragù e besciamella.

LAZIO: questo territorio è famoso per la CARBONARA, un piatto di pasta con un condimento a base di uova, guanciale, pecorino e pepe. DIFFIDATE DALLE IMITAZIONI! Niente panna, cipolla o aglio!!!

ABRUZZO: gli ARROSTICINI sono spiedini di carne ovina che si abbinano benissimo ai vini rossi dal sapore intenso prodotti in queste terre.

MOLISE: COMPOSTA ALLA MOLISANA, un piatto fresco, colorato ed estivo! Si tratta di un’insalata realizzata con peperoni, pomodori, cetrioli, capperi e uova sode…l’ideale in questi giorni di caldo estremo!

CAMPANIA: chi di noi non ha mai assaggiato i Babà? Dolcetti da forno a pasta lievitata bagnati con del RUM e poi decorati con cioccolato, panna, frutta… che acquolina!

                                                                                                                 baba

PUGLIA: che buone le ORECCHIETTE CON CIME DI RAPA, un primo piatto di pasta condito con cime di rapa sbollentate e soffritte in padella con olio d’oliva e qualche acciuga.

BASILICATA: LAGANE E CECI. Le lagane sono un tipo di pasta fresca simile alle tagliatelle, ma molto più larghe, circa 2 o 3 cm. Unite a ceci e alla passata di pomodoro sono perfette per una fredda serata invernale.

CALABRIA: i FILEI ALLA ‘NDUJIA sono un primo piatto i cui ingredienti sono costituiti da uno speciale tipo di pasta, i filei, e dalla ndujia, un salame piccante spalmabile. È una pietanza dal sapore molto deciso.

SICILIA: gli ARANCINI o ARANCINE (dipende dalla forma), sono delle palle o coni di riso impanato e fritto, ripieni di ragù piselli e caciocavallo oppure da prosciutto cotto e mozzarella…una vera e propria  squisitezza!

SARDEGNA: di questa regione ricordiamo la FREGOLA, una pasta di semola, che si può trovare in varie dimensioni dai 2 ai 6 millimetri. Può essere condita con frutti di mare, pomodoro e verdure, ma è anche servita in brodo.

Il nostro viaggio finisce qui, ma questa è solo una minima parte dei piatti tradizionali che offre il nostro paese! Spero di avervi incuriosito e di aver stuzzicato il vostro appetito!!! Fatemi sapere nei commenti quale piatto vi è piaciuto di più.

ILARIA B.ita2

Questa voce è stata pubblicata in Attualità. Contrassegna il permalink.

Una risposta a GOURMET all’ITALIANA

  1. Famiglia Portaro scrive:

    La famiglia Portaro ha votato così: 3 voti per gli arancini e 1 per la carbonara.
    Ma mamma è molto incuriosita dal piatto della Basilicata, LO PROVEREMO!!!
    Comunque abbiamo fatto un errore a leggerlo prima di pranzo, ora abbiamo un acquolina!!!!!!!!!!!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Current ye@r *