ALTRE POESIE SBOCCIANO TRA I BANCHI DI SCUOLA

Come ultimo argomento di antologia i ragazzi della seconda media del nostro istituto hanno affrontato una nuova unità: la poesia.

Per quanto riguarda la 2^c, la professoressa Pigliapochi, ha assegnato ai suoi alunni una poesia sulla nostra cara città, Jesi. Nel complesso sono venuti fuori dei bei lavori, per questo abbiamo deciso di condividerli con voi:

M’ affaccio dalla finestra

e vedo una città antica

con cinte di mura e una

storia infinita

 nel centro storico

passeggia l’allegria

mentre a teatroNOEMI NALLI

al grande teatro Pergolesi

si accendono i riflettori e tutto

riprende vita.

Noemi Nalli

Che bella la mia città,

qui si respira aria di libertà

 

Il verde dei campi, l’azzurro del cielo

dietro le colline sorge l’ arcobalenoREBECCA ALBANESI

 

uliveti, vigneti, distese di girasoli e spighe di grano

che colorano le campagne e si estendono per kilometri,

o più lontano

 

Federico II nacque proprio qui e San Settimio una cattedrale costruì

questa è Jesi,

 la mia città,

 e di certo nessuno, mai me la ruberà

Rebecca Albanesi

Un alto e maestoso arco,

ti da il benvenuto

un lungo e festoso corso sembra invitarti

 a fare una sfilata tra le sue artiJENNY LUCERTONI

 

In fondo alla piazza dell’orologio,

troverai lui,

un affascinate teatro

 ricco,

ricco di storia e cultura.

Jenny Lucertoni

 

Questa voce è stata pubblicata in Attualità. Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Current ye@r *